La tecnologia non chiede mai permesso

La tecnologia non chiede mai permesso, questo e’ un assioma dei tempi che stiamo vivendo grazie all’avvento della digitalizzazione

Olderico Caviglia

Le macchine mi sorprendono con grande frequenza

E’ ovvio che le macchine non possono pensare come le persone, una macchina e’ diversa da una persona e pensa in modo diverso. Alan Turing

Anche un orologio fermo, segna l'ora esatta due volte al giorno

una riflessione sul tempo e sull’inutilità di misurarlo proprio a causa della sua inafferrabilità.

Herman Hesse

May the student in you live forever

“Possa lo studente che e’ in te vivere per sempre” : l’augurio piu’ bello e commovente che possiamo fare a noi stessi e alle persone a cui vogliamo bene.

Anonimo

Il futuro non e' mica finito !

Viviamo in un’epoca in cui il futuro non smette mai di arrivare

Ian McEwan

Il vero problema della comunicazione e' che non ascoltiamo per capire ma per rispondere

“Le persone non ascoltano, aspettano solo il loro turno per parlare.”

C. Palahniuk

Dio perdona sempre, l'uomo perdona qualche volta, la natura non perdona mai

Citazione spagnola riferita al maltrattamento del pianeta Terra ed alla necessita’ di preservare la Casa Comune

Papa Francesco

Every business is a software business

Every organization and company are now a software company

Watts S. Humphrey

Find something you would die for, and live for it

Peter Diamandis ha reinterpretato in chiave ottimistica una famosa frase di Shakur

Se non hai qualcosa per cui vivere, trova qualcosa per cui morire. Tupac Shakur

The two most important days in your life are the day you are born and the day you find out why

Mark Twain

I Giapponesi chiamano Ikigai il momento in cui divento consapevole del perche’ mi alzo al mattino

Piu’ di 25 anni

di tecnologia

e di digitale

Il Tempo sembra mancarci ma…

L’innovazione, le tecnologie non sono mai neutre ma se realizzate e usate “per” l’uomo possono regalarci un dono preziosissimo: il tempo.

Storicamente l’innovazione tecnologica ha ridotto le ore di lavoro, dando più tempo all’uomo per il suo benessere e la nascita di nuove attività  legate  alla cura della persona.

Il tempo, poi regala anche il dono del pensiero: se riduco le attività a valore non aggiunto e lo faccio fare alle macchine e agli algoritmi mi rimane lo spazio per leggere, discernere, creare, inventare.

Che e’ quello che ci serve.

Oppure con il tempo guadagnato possiamo continuare a stare in mezzo al traffico di tante cose ( molte delle quali inutili). Continuare a stare al telefonino, organizzare riunioni non necessarie, fare surf sulla conoscenza.

Certo a fine giornata ci si sentirà stanchi e ( ci credo poco) appagati ma avremo costruito ben poco.

Forse tirare il fiato e leggere un buon libro,  anche digitale, ci serve tanto di più. 

Uomini come Leonardo Da Vinci hanno cambiato il Mondo: ma ci hanno messo concentrazione e studio. Utilizzando il tempo per farlo.

Ho tanti dubbi che ci sarebbero riusciti con uno smartphone sulla scrivania.

Capire quali sono le tecnologie ad ognuno di noi più utili richiede studio e applicazione: non siate pigri, fatelo e regalatevi il tempo.

piu’ di 25 anni di Digitale

Lo smartphone ha stravolto e cambiato tutto.

Oggi le persone e le aziende sono ad un click da noi, nessuna area e’ esclusa.

I nostri ritmi e le nostre abitudini sono cambiate, con internet in tasca non si puo’ piu’ parlare di online ed offline come di due mondi separati. Non piu’.

Il nostro click e’ lo specchio della nostra vita, della nostra quotidianita’ e della nostra personalita’.

 

Posso affermare di sentirmi un perennial, persone curiose e sempre in fiore, di tutte le età, e che sono consapevoli di cosa sta realmente accadendo nel mondo. Sono al passo con la tecnologia e si trovano a proprio agio con altre persone di qualsiasi eta’ e cultura.

“I perennial si lasciano coinvolgere, sono curiosi, fanno da mentore, sono appassionati, creativi, sicuri di sé, collaborativi, hanno un modo di pensare globale, si assumono rischi perché continuano a spingersi oltre i limiti e sanno come azzardare”.

Questo blog ha l’intento di mostrare come cogliere le opportunita’ della trasformazione digitale in questa nuova vita ibrida tra on line ed off line, una vita phygital !

Olderico Caviglia

Ogni tecnologia sufficientemente avanzata è indistinguibile dalla magia.

 

(Arthur C. Clarke)

C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti.

 

(Henry Ford)

Baratterei tutta la mia tecnologia per una serata con Socrate.

 

(Steve Jobs)

You will not be replaced by AI, you will be replaced by someone who uses AI

(Olderico Caviglia)

You can't change without digital, and you can't go digital without change

 (Raj Sundarason)

Unexpressed emotions will never die. They are buried alive and they will come forth later in uglier ways

(Sigmund Freud)

"Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee."

(George Bernard Shaw )

"la mente è un ottimo servitore ma un pessimo padrone"

( Nisargadatta Maharaj)

L'innovazione non e' mai arrivata attraverso la burocrazia e la gerarchia. E' sempre arrivata attraverso gli individui

( John Sculley)

Fare facilmente ciò che gli altri trovano difficile è il talento. Fare ciò che è impossibile al talento è il genio

(Henri-Frédéric Amiel)

È sempre buono dare dei consigli, ma darli buoni è fatale

(Oscar Wilde)

Solo la tecnologia potra' salvare l'umanita'

(Olderico Caviglia)

The ones who are crazy enough to think they can change the world are the ones who do

(Steve Jobs)

In Italia, per trent'anni, sotto i Borgia ci furono guerre, terrore, omicidi e carneficine ma ne vennero fuori Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera, hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di democrazia e pace, e cos'hanno prodotto? Gli orologi a cucù

(Orson Welles)

L’Intelligenza Artificiale: Dalle Origini ai Giorni Odierni

L’Intelligenza Artificiale: Dalle Origini ai Giorni Odierni

 

Quando si discute dell’Intelligenza Artificiale, la mente corre immediatamente alle tecnologie all’avanguardia, ai robot capaci di comprendere e prendere decisioni autonome, e a un mondo futuristico in cui macchine e uomini coesistono.

Tuttavia, l’Intelligenza Artificiale e il suo impiego sono molto più concreti di quanto si possa immaginare e vengono utilizzati attivamente in svariati settori della vita quotidiana.

Questi utilizzi, però, sono spesso meno invasivi di quanto si possa credere o di quanto mostrato nei frequenti film di fantascienza che hanno fatto dell’Intelligenza Artificiale il loro tema principale, generando serie più o meno di successo.

Ma cosa rappresenta veramente l’Intelligenza Artificiale e qual è stata la sua evoluzione?

L’Intelligenza Artificiale, in termini tecnici, costituisce un ramo dell’informatica dedicato alla programmazione e alla progettazione di sistemi, sia hardware che software, che conferiscono alle macchine determinate capacità considerate tipicamente umane.

Queste capacità comprendono, ad esempio, la percezione visiva, spazio-temporale e decisionale. Si tratta quindi non solo di intelligenza nel senso di capacità di elaborazione o conoscenza di dati astratti, ma anche e soprattutto di quelle molteplici forme di intelligenza identificate dalla teoria di Gardner.

Queste vanno dall’intelligenza spaziale e sociale, alla cinestetica e introspettiva. Un sistema intelligente viene sviluppato con l’obiettivo di ricreare una o più di queste diverse forme di intelligenza, che, sebbene spesso considerate esclusivamente umane, possono essere riprodotte da macchine attraverso comportamenti specifici.

Quali sono le origini e lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale?

Per come la conosciamo oggi, l’Intelligenza Artificiale ha le sue radici nell’avvento dei computer, con la sua nascita ufficialmente datata al 1956. In quell’anno, durante un convegno negli Stati Uniti che ha visto la partecipazione di importanti figure nel campo, si è discusso per la prima volta di Intelligenza Artificiale, allora chiamata Sistema Intelligente.

Durante questo evento storico, sono stati presentati alcuni programmi in grado di eseguire ragionamenti logici, principalmente nel campo della matematica. Un esempio notevole è il programma Logic Theorist, sviluppato da due ricercatori informatici, Allen Newell e Herbert Simon, capace di dimostrare alcuni teoremi matematici partendo da dati specifici.

Puoi approfondire l’argomento qui 

Buon Natale ! Merry Christmas 2023

Buon Natale ! Merry Christmas 2023

 

Qualunque sia il tuo credo, la tua fede o la tua speranza,

ti invio i miei migliori auguri per questo Natale!

Whatever are your beliefs, your faith or your hope,

I wish you the best for Christmas!

Buon Natale ! Merry Christmas !

The Perennials : I megatrend che creano una società postgenerazionale

The Perennials : I megatrend che creano una società postgenerazionale

 

Ottieni il massimo dall’accelerazione del cambiamento sociale, ripensare la nostra carriera, la nostra famiglia e i nostri progetti futuri.

L’espressione “perennials” è stata utilizzata in modo informale per descrivere un gruppo di persone che si distingue per la loro mentalità e comportamento, piuttosto che per la loro età. A differenza delle etichette generazionali basate sulla nascita, i “perennials” sono individui che condividono valori, interessi o stili di vita comuni, indipendentemente dall’anno di nascita.

Nel mondo di oggi, l’accelerazione dei megatrend – tra cui l’aumento della longevità e l’esplosione della tecnologia – stanno trasformando la vita come la conosciamo oggi.

E’ in atto un radicale cambiamento sociale innescato dalla trasformazione demografica e tecnologica. Nel suo libro “The Perennials” Guillén sostiene che termini antiquati come Boomers, Gen X, Millennials e Gen Z sono stati a lungo utilizzati per incasellarci in categorie e fasi di vita rigide, impedendo artificialmente alle persone di raggiungere il loro pieno potenziale. Una nuova forza lavoro postgenerazionale conosciuta come “perennials” – individui che non sono contrapposti tra loro né per età né per esperienza – rende possibile liberare decine di persone dai vincoli del modello di vita sequenziale e livellare il campo di gioco in modo che tutti ha la possibilità di vivere una vita gratificante. Questa rivoluzione generazionale avrà un impatto sui giovani appena entrati nel mondo del lavoro e su coloro che vivono e lavorano più a lungo.

Questa rivoluzione multigenerazionale è già in atto e Mauro Guillén identifica gli specifici cambiamenti culturali, organizzativi e politici che devono essere apportati per passare a un nuovo modello e inaugurare una nuova era di innovazione powered by the perennials.

 

GDP live

GDP Live

 

Contatore in tempo reale del “PIL nominale” e del “PIL nominale pro capite” in dollari USA.
Calcolato sulla base del World Economic Outlook del FMI.

Poiché la stima deriva dai dati passati, potrebbe non essere accurata.
Le cifre e le classifiche potrebbero differire da quelle calcolate utilizzando il tasso di cambio attuale perché sono convertite in dollari statunitensi in base ai tassi di cambio medi.

G7: Gruppo di 7 Nazioni piu’ industrializzate
G20: Gruppo di 20 Nazioni piu’ industrializzate
OCSE: Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico
UE: Unione Europea
Quad: dialogo quadrilatero sulla sicurezza (Stati Uniti, Giappone, India e Australia)
BRICS: Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa
APEC: Cooperazione economica Asia-Pacifico
RCEP: Partenariato economico globale regionale
CPTPP (TPP11): accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico
ASEAN: Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico
OPEC: Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio
ECO: Organizzazione per la cooperazione economica
ALADI: Associazione Latinoamericana per l’Integrazione
UA: Unione Africana

 

Fonte di dati

FMI https://www.imf.org/en/Home
(World Economic Outlook, ottobre 2023 https://www.imf.org/en/Publications/W…)

COP 28 UAE

COP 28 UAE

 

La Conferenza delle Parti numero 28, COP28 UAV, United Arab Emirates si tiene a all’Expo City di Dubai da giovedì 30 novembre a martedì 12 dicembre 2023.

 

COP28 di Dubai 2023: leggi gli approfondimenti dedicati alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici

 

Visita il sito web del COP 28

https://www.cop28.com/

9 agosto del 480 a.C., battaglia delle Termopili

9 agosto del 480 a.C., battaglia delle Termopili

 

Il 9 agosto del 480 a.C., alle Termopili, gli Spartani e circa un migliaio di altri Greci, in particolare i Tespiesi e i Tebani, guidati dal re Leonida, resistettero all’esercito di Serse per tre giorni.

Nel frattempo, presso Artemisio, la flotta greca oppose resistenza a quella nemica. I Persiani chiesero agli Spartani di arrendersi e di consegnare le armi in cambio della vita. Leonida rispose laconicamente: “MOLON LABE!” (“Venite a prenderle!”).

Il giorno successivo, il Gran Re inviò anche i 10.000 Immortali contro di loro, ma si infransero contro il muro greco-spartano. Sarà solo il tradimento del pastore Efialte e il superamento attraverso i passi montuosi a sancire la sconfitta dei Greci (i Focesi che Leonida aveva posizionato per difendere il sentiero scapparono alla vista dei Persiani).

Si dice che quando i Persiani, irritati, inviarono ambasciatori per chiedere la resa, i Lacedemoni rifiutarono. Fu in quel momento che gli orientali minacciarono di seppellire i Greci sotto una pioggia di frecce così abbondanti da oscurare il sole, e gli Spartani risposero: “allora combatteremo nell’ombra”.

«Dei morti alle Termopili

gloriosa è la sorte, splendida è la fine,

un altare è la tomba, il ricordo è un singhiozzo, la lode è compassione.

Né la ruggine né gli anni divoratori

oscureranno un tale sudario.

Questo santuario di valorosi eroi, come dimora, accolse la gloria dell’Ellade.

Di ciò dà testimonianza anche Leonida, re di Sparta,

avendo lasciato come grande ornamento la virtù e l’eterna gloria.»

(Simonide di Ceo, fr.531)

Oggi, 21 Agosto: Giornata Mondiale dell’Imprenditore e dell’Innovazione Aziendale

Oggi, 21 Agosto: Giornata Mondiale dell’Imprenditore e dell’Innovazione Aziendale

 

Oggi, il 21 agosto, si celebra la Giornata Mondiale dell’Imprenditore, un’occasione speciale dedicata a promuovere la comprensione dell’importanza dell’imprenditorialità e dell’innovazione all’interno delle aziende.

La scelta di questa data non è casuale, ma mira a sensibilizzare senza vincoli legati a eventi storici o imprenditori specifici. La vera essenza del World Entrepreneurs’ Day risiede nel riconoscimento e nella celebrazione dei fondatori, dei pionieri e degli innovatori che hanno abbracciato l’avventura imprenditoriale per creare qualcosa di straordinario, non solo per sé stessi, ma anche per la propria comunità e talvolta per il mondo intero.

Tra questi individui si annoverano gli imprenditori digitali, coloro che danno vita a nuove realtà imprenditoriali, prodotti e servizi nell’ambito dell’economia digitale. Questi talentuosi professionisti operano in diversi settori, dalle sofisticate creazioni software e applicazioni all’affascinante mondo della progettazione di siti web, dalla strategica sfera del marketing digitale all’affollato panorama dell’eCommerce, arrivando persino alla creazione di innovative piattaforme online.

 

“Imprenditori Digitali: Pionieri dell’Economia Globale nell’Era Digitale”

 

Gli imprenditori digitali costituiscono una tipologia emergente di imprenditori, che ha guadagnato rilevanza con l’avvento dell’era dell’informazione e la diffusione dell’utilizzo di Internet negli anni ’90. Questo periodo ha visto la nascita di numerose aziende tecnologiche di successo, tra cui giganti come Google, Amazon ed eBay, fondate da visionari che possono essere annoverati tra i precursori degli imprenditori digitali.

Con l’arrivo degli anni 2000, la diffusione della connettività a banda larga, l’emergere dei social media e lo sviluppo costante di tecnologie digitali hanno dato vita a un proliferare di questa figura imprenditoriale. L’impulso dell’innovazione digitale ha aperto la strada alla creazione di nuovi modelli di business, generando opportunità imprenditoriali in svariati settori.

L’imprenditoria digitale rappresenta oggi una componente essenziale dell’economia globale, svolgendo un ruolo determinante nell’indirizzare l’innovazione e favorire la crescita economica. Questi imprenditori digitali fungono da catalizzatori di cambiamento, plasmando il volto mutevole dei mercati globali attraverso l’applicazione creativa di soluzioni digitali. Con un occhio sempre rivolto al futuro, l’imprenditoria digitale continua a fungere da motore primario per l’evoluzione economica e l’innovazione su scala mondiale.

 
 
In questa Giornata Mondiale dell’Imprenditore, celebriamo il coraggio e la determinazione di coloro che guidano l’evoluzione dell’imprenditorialità, spingendo i confini dell’innovazione e contribuendo al progresso della società nel suo complesso. Un omaggio a chi osa immaginare, creare e realizzare il futuro attraverso l’imprenditorialità e l’innovazione.

 

 
 

Come fu calcolata nell’antichita’ la dimensione della terra

Come fu calcolata nell’antichita’ la dimensione della terra

 

Eratostene di Cirene (276 a.C. circa – 194 a.C. circa) viveva ad Alessandria, capitale dell’Egitto ellenistico, dove dirigeva la biblioteca, la più grande del mondo greco.

Intorno al 250 a.C., utilizzando solo qualche dato geografico e un po’ di geometria elementare, riuscì ad ottenere la prima stima realistica delle dimensioni della Terra.

Egli notò che a mezzogiorno del solstizio d’estate a Syene, la città più meridionale d’Egitto, i raggi del Sole cadevano verticalmente al suolo.

Infatti, un osservatore che si sporgeva su un pozzo, a quell’ora di quel giorno, veniva accecato dai riflessi del Sole rimandati dall’acqua.

Il fatto che il fondo del pozzo si illuminasse completamente significava che il Sole non faceva alcuna ombra in quel luogo e momento specifici.

Nel medesimo giorno dell’anno e alla stessa ora, ad Alessandria, l’ombra di un’alta colonna indicava che i raggi solari cadevano con una inclinazione che formava con la verticale un angolo θ di circa 7,2°, pari a 1/50 dell’angolo giro.

Assumendo che la Terra fosse perfettamente sferica (a quel tempo lo si sapeva: si erano osservate le navi che scomparivano all’orizzonte e si era vista l’ombra curva che la Terra proiettava sulla Luna durante un’eclissi), che Alessandria fosse esattamente a nord di Syene sullo stesso meridiano terrestre (il che, almeno approssimativamente, era vero) e che i raggi del Sole, data la sua lontananza dalla Terra, si potessero considerare paralleli (altra ipotesi ragionevole), Eratostene dedusse che la distanza tra Alessandria e Syene doveva essere uguale a 1/50 della circonferenza della Terra.

Infatti, osservando la figura, l’angolo d’ombra θ della colonna è congruente all’angolo al centro che insiste sull’arco di meridiano che collega le città di Alessandria e Syene, perché questi due angoli sono alterni interni formati da rette parallele (raggi del Sole) tagliate da una trasversale (retta che passa per l’estremità della colonna e il centro della Terra).

Eratostene sapeva che la distanza tra Alessandria e Syene era uguale a 5000 stadi e, quindi, la lunghezza della circonferenza terrestre doveva essere pari a 250.000 stadi.

Purtroppo non sappiamo con certezza quanto fosse lungo uno stadio, ma accettando la stima di 157,5 metri, si ottiene per la circonferenza terrestre il valore di 39.375 km.

Non si è lontani dal valore generalmente accettato oggi (40.009,2 km): l’errore è di poco superiore all’1,5%.

Nessuno, in ogni caso, riuscì a fare meglio di Eratostene per quasi un millennio.

Syene è oggi nota come Assuan e ha perfino un pozzo che si può visitare: il caldo soffocante di mezzogiorno nel solstizio d’estate fa sì che difficilmente possa trasformarsi in un’attrazione turistica.

Anche se lo meriterebbe.

Australia : centesima nazione visitata

L’Australia, partendo dalla città di Melbourne, e’ la mia centesima nazione visitata dopo :

Albania, Andorra, Arabia Saudita, Argentina, Armenia, Austria, Bahrain, Bangladesh, Belgio, Bielorussia, Bosnia, Brasile, Bulgaria, Canada, Cina, Cipro, Città del Vaticano, Colombia, Corea del Sud, Costa d’Avorio, Costa Rica, Croazia, Cuba, Danimarca, Egitto, EUA, Eritrea, Estonia, Etiopia, Filippine Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Giappone, Gibilterra, Gibuti, Giordania, Grecia, Hong Kong, India, Indonesia, Irlanda, Islanda, Kazakistan, Kosovo, Kuwait, Lettonia, Libano, Libia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Macao, Macedonia, Madera, Maldive, Malesia, Malta, Marocco, Messico, Moldavia, Mongolia, Montenegro, Nepal, Norvegia, Oman, Paesi Bassi, Pakistan, Panama, Paraguay, Peru’, Polonia, Portogallo, Principato di Monaco, Qatar, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, San Marino, Serbia, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Usa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Thailandia, Tunisia, Turchia, Ucraina, Ungheria, Uruguay, Venezuela, Vietnam, Yemen.

Quando ho iniziato a viaggiare, non avrei mai immaginato di poter esplorare così tante culture diverse, scoprire luoghi incantevoli e incontrare persone straordinarie in ogni angolo del mondo. Ogni nazione visitata mi ha arricchito in modi unici, ampliando la mia prospettiva e nutrendo la mia curiosità per le meraviglie della diversità umana.

Ogni viaggio è stato un’opportunità per imparare, crescere e aprirmi a nuove esperienze e culture. Ho camminato per strade antiche, esplorato paesaggi mozzafiato, assaporato cibi deliziosi e mi sono immerso/a in tradizioni millenarie. Ogni volta che ho superato un confine, ho sentito un senso di gratitudine per la bellezza e la ricchezza del nostro pianeta.

“Sono un cittadino, non di Atene o della Grecia, ma del mondo” Socrate

Nove tipi di intelligenza

Nove tipi di intelligenza

 

Qual è il tuo tipo di intelligenza?

Howard Gardner è uno psicologo americano e professore di scienze cognitive ed educazione all’Università di Harvard. Ha sfidato la visione tradizionale dell’intelligenza come un concetto unico e unitario.

Ecco i suoi 9 tipi di intelligenza:

? Intelligenza linguistica: Competenze linguistiche.

? Intelligenza Logico-Matematica: Ragionamento logico e problem solving.

?Intelligenza spaziale: percezione visiva e manipolazione.

? Intelligenza musicale: percezione e creazione musicale.

? Intelligenza Corporeo-Cinestetica: Coordinazione fisica e destrezza.

?Intelligenza interpersonale: comprensione e interazione con gli altri.

?Intelligenza intrapersonale: autoconsapevolezza e introspezione.
Intelligenza naturalistica: comprensione e connessione con il mondo naturale.
? Intelligenza esistenziale: contemplare domande profonde sull’esistenza e sul significato.

❓ Qual è il tuo principale tipo di intelligenza?

Legge di Moore

La legge di Moore

 

E’ deceduto in questi giorni Gordon Moore, colui che ha formulato la legge di Moore nel 1965, co-fondatore della Intel. Questa legge afferma che il numero di transistor che possono essere incorporati in un circuito integrato raddoppia circa ogni due anni, aumentando esponenzialmente la potenza di elaborazione e la velocità dei computer.

La legge di Moore ha avuto un impatto enorme sull’industria dei semiconduttori, facendo avanzare la tecnologia dei computer a un ritmo senza precedenti. Negli ultimi decenni, l’evoluzione della tecnologia dei computer ha seguito la legge di Moore con precisione, portando a una continua riduzione delle dimensioni dei transistor e alla creazione di microprocessori sempre più potenti.

Grazie alla legge di Moore, oggi disponiamo di dispositivi sempre più piccoli e potenti, che consentono di eseguire compiti complessi in tempi rapidi. La legge di Moore ha anche aperto la strada all’era dell’informazione, permettendo la diffusione di internet, la creazione di dispositivi mobili e la nascita dell’Internet delle cose.

Tuttavia, non tutti credono che la legge di Moore continuerà ad essere valida per sempre. Molti esperti hanno suggerito che il limite fisico della miniaturizzazione dei transistor potrebbe essere raggiunto entro pochi anni, rendendo difficile la continua applicazione della legge di Moore. Alcuni sostengono che potrebbe essere necessario trovare nuovi modi per aumentare la potenza di elaborazione dei computer, come l’utilizzo di tecnologie come la computazione quantistica.

Nonostante queste sfide, la legge di Moore rimane un pilastro fondamentale dell’industria dei semiconduttori e dei computer, e ha fatto avanzare la tecnologia in modi che sembravano impossibili solo pochi decenni fa. Mentre il futuro della legge di Moore potrebbe essere incerto, è chiaro che la sua influenza continuerà ad essere sentita in molti campi della tecnologia.

 
 
Regenerate response

Il futuro e’ dei perennials !

Il futuro e’ dei perennials

 

Il termine “perennials” si riferisce a una nuova generazione di individui che non si identificano con le categorie tradizionali di età (ad esempio, baby boomers, generazione X, millennials, ecc.) e che mostrano un’attitudine diversa rispetto alla vita e alla carriera. Questi individui sono caratterizzati dalla volontà di rimanere attivi e impegnati nel loro lavoro e nella loro vita sociale anche dopo la pensione, e di continuare a cercare nuove esperienze e sfide.

Ci sono diversi motivi per cui si prevede che il futuro appartenga ai perennials. Innanzitutto, il progresso tecnologico e la crescita della conoscenza hanno reso possibile lavorare e apprendere in modo più flessibile e continuo, rendendo possibile l’attività lavorativa anche in età più avanzata. Inoltre, la diminuzione dei tassi di natalità e l’aumento dell’aspettativa di vita stanno portando alla necessità di un utilizzo più efficiente della forza lavoro, e i perennials possono rappresentare una risorsa preziosa in questo senso.

Inoltre, i perennials mostrano una forte attitudine alla continua formazione e all’apprendimento, e sono spesso caratterizzati da una mentalità imprenditoriale e innovativa. Queste qualità possono essere preziose in un’economia sempre più competitiva e in continua evoluzione.

“I perennial si lasciano coinvolgere, sono curiosi, fanno da mentore, sono appassionati, creativi, sicuri di sé, collaborativi, hanno un mondo di pensare globale, si assumono rischi perché continuano a spingersi oltre i limiti e sanno come azzardare”.

Infine, la cultura e la società stanno gradualmente evolvendo verso una maggiore attenzione alla diversità, all’inclusione e alla valorizzazione dell’esperienza e delle competenze individuali, piuttosto che alla sola età. Questo apre nuove opportunità e possibilità per i perennials di continuare a contribuire e a prosperare in ambito professionale e sociale.

 
 
Regenerate response

Le Organizzazioni Esponenziali

Le Organizzazioni Esponenziali

 

Le organizzazioni esponenziali sono aziende che utilizzano tecnologie avanzate e innovative per crescere rapidamente e mantenere la loro posizione di leader nel mercato. Queste organizzazioni sono caratterizzate da una crescita esponenziale, cioè una crescita che si verifica molto rapidamente e che continua a aumentare in modo esponenziale nel tempo.

Ci sono dieci caratteristiche che le organizzazioni esponenziali condividono, come descritte nel libro “Organizzazioni Esponenziali” di Salim Ismail, Michael S. Malone e Yuri van Geest:

  1. Massive Transformative Purpose (MTP): le organizzazioni esponenziali hanno un obiettivo molto chiaro e ambizioso che ispira e guida tutte le loro azioni.
  2. Team on Demand (TOD): le organizzazioni esponenziali si affidano a team temporanei e flessibili per svolgere compiti specifici, piuttosto che assumere dipendenti a tempo pieno.
  3. Algoritmi: le organizzazioni esponenziali utilizzano l’intelligenza artificiale e gli algoritmi per automatizzare e migliorare i loro processi.
  4. Asset Leggeri: le organizzazioni esponenziali non possiedono grandi quantità di risorse fisiche, come immobili o macchinari, ma utilizzano piuttosto risorse digitali e informatiche.
  5. Leverage Platforms: le organizzazioni esponenziali si basano su piattaforme digitali per scalare rapidamente il loro business e raggiungere un grande pubblico.
  6. Comunità e Crowd: le organizzazioni esponenziali coinvolgono la comunità e la folla nella creazione di valore, attraverso la condivisione di conoscenze, l’apertura di piattaforme e l’uso di feedback.
  7. Interfaccia utente: le organizzazioni esponenziali forniscono un’esperienza utente altamente personalizzata e user-friendly, grazie all’utilizzo di tecnologie avanzate come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico.
  8. Ecosistema: le organizzazioni esponenziali creano ecosistemi in cui collaborano con altre organizzazioni, startup e comunità per creare sinergie e massimizzare l’impatto.
  9. Autonomia: le organizzazioni esponenziali promuovono l’autonomia e l’auto-organizzazione tra i loro dipendenti e collaboratori, spesso utilizzando strumenti di lavoro remoto e agile.
  10. Scalabilità: le organizzazioni esponenziali sono in grado di scalare rapidamente la loro attività grazie all’utilizzo di tecnologie avanzate e all’approccio di pensiero “moonshot” che mira a risolvere problemi di grandi dimensioni.

Competenze a T o a V

Competenze a T o a V

 

Le persone parlano spesso della necessità di dipendenti con competenze “a forma di T”. Il concetto è sempre valido, è tempo per un nuovo tipo: il dipendente “a forma di V”.

Introdotto all’inizio degli anni ’80, il concetto di impiegato a forma di T sta per qualcuno che è allo stesso tempo specialista e generalista. Hanno una conoscenza approfondita di un’area (la barra verticale della T) e una conoscenza superficiale di un’ampia gamma di altre aree (la barra orizzontale). Il primo serve per fare il proprio lavoro, il secondo per collaborare e comunicare con gli altri.

Sebbene sembri intuitivo e contribuisca al lavoro multidisciplinare e interdisciplinare, esiste un tipo ancora migliore, che mi piacerebbe chiamare l’impiegato a forma di V.

Come l’impiegato a forma di T, un impiegato a forma di V ha una profonda conoscenza in un’area. E lungo la stessa linea, hanno anche una conoscenza superficiale di un’ampia gamma di altri domini.

La differenza fondamentale è la parte in mezzo. Ciò che è necessario per lavorare efficacemente nelle organizzazioni oggi, credo, è la “conoscenza adiacente”, la conoscenza correlata alle competenze di base del dipendente. Non è profondo, né poco profondo, ma nel mezzo, da qui la forma a V.

Essere uno specialista è fantastico, ma sia dal punto di vista della carriera individuale che dal punto di vista organizzativo, abbiamo bisogno di persone versatili e agili. Chi può fare di più del proprio lavoro principale. Chi può cambiare ruolo e crescere. Ciò richiede loro di avere competenze adiacenti in aree vicine alla loro area centrale.

Questa conoscenza adiacente è una competenza che non è così profonda come la loro conoscenza di base, ma nemmeno così superficiale da consentire semplicemente la collaborazione. È medio-profondo, medio-largo, consentendo loro di essere versatili e agili.

Prendo me stesso come esempio per illustrare. Ho una profonda conoscenza di strategia e leadership e un’ampia conoscenza di economia, sociologia e psicologia. Entrambi sono importanti, ma il motivo per cui posso svolgere il mio lavoro di consulente e mentore è proprio la parte intermedia: la mia conoscenza medio-profonda e medio-ampia di sviluppo organizzativo, gestione del cambiamento e imprenditorialità.

È questa conoscenza adiacente che mi consente di creare una ricca comprensione di un’organizzazione e del posto della strategia al suo interno. Mi permette anche di andare oltre l’applicazione semplicistica o dogmatica di strumenti e metodi strategici e di adattare il mio approccio alla particolare situazione e alle esigenze di un cliente.

Lo stesso vale per te e la tua gente. Più sono a forma di V, meglio possono prosperare e contribuire alla tua organizzazione.

Quanto siete a forma di V tu e la tua gente? E come li lascerai crescere come dipendenti a forma di V?

Darwin day

Darwin day 

 

Una festa in tutto il mondo per celebrare il padre di una delle più importanti teorie scientifiche della storia: la teoria dell’evoluzione.

Il 12 febbraio del 1809 nasceva Charles Darwin, che con la sua teoria rivoluzionò l’immagine che abbiamo di noi stessi e delle nostre origini. “L’evoluzionismo ha avuto un impatto enorme perché riguarda la vita di tutti, affronta la questione del cosa noi siamo, il nostro essere umani, e da dove veniamo”, ha commentato Chiara Fabi, la responsabile dell’Unità Coordinamento Scientifico del Museo di Storia Naturale di Milano.

Oggi con l’avvento delle tecnologie digitali questa teoria e’ sempre piu’ attuale.

Approfondisci qui :

https://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2023/02/12/e-il-darwin-day-dedicato-alla-teoria-dellevoluzione_004ee63e-def8-4f7c-9a66-0563b253322a.html

Chat GPT impressioni e consigli

Chat GPT impressioni e consigli

 

Chat GPT oggi e’ il tool del momento, se ne parla ovunque e questo nuovo software di Open Ai e’ destinato ad aprire nuove frontiere sull’uso dell’intelligenza artificiale nel nostro quotidiano, vediamo come utilizzarlo al meglio.

Con il giusto approccio e un po’ di pratica, puoi creare post ed articoli coinvolgenti che catturino l’attenzione del tuo pubblico, senza dover partire dal “foglio bianco”.

Ecco cinque suggerimenti per aiutarti a scrivere impressioni GPT efficaci:

1. Inizia con una forte introduzione – Le prime righe della tua narrazione dovrebbero catturare l’attenzione del lettore e coinvolgerlo. Assicurati che capisca di cosa parlerà il tuo articolo in modo che non si perdano o si confondano man mano che si procede nella lettura.

2. Usa il linguaggio naturale: i chatbot utilizzano algoritmi di elaborazione del linguaggio naturale (NLP) per interpretare l’input dell’utente, quindi assicurati che tutte le tue frasi siano scritte in modo facilmente comprensibile con regole grammaticali e di punteggiatura adeguate seguite in ogni momento.

3 . Sii conciso – Mantieni ogni frase breve e dolce; questo renderà più facile per i lettori seguire senza annoiarsi o essere distratti da spiegazioni o descrizioni prolisse . Questo aiuta anche a mantenere alto il loro livello di interesse poiché c’è meno tempo dedicato alla lettura invece che all’interazione!

4 . Evita il gergo tecnico: cerca di non includere parole eccessivamente complicate quando scrivi articoli, a meno che non siano articoli tecnici, in quanto potrebbero confondere i lettori che non hanno familiarità con quei termini/concetti che potrebbero distoglierli dall’avere un’esperienza piacevole.

5 . Testare e perfezionare: dopo aver scritto alcune bozze iniziali di articoli, introduzione, corpo e finale, prova a esaminarli tu stesso prima di consentire ad altri l’accesso per testare come rendono e mettiti nei panni dei tuoi interlocutori. Prendi nota se è necessario apportare modifiche, quindi riesamina tutto di nuovo fino a quando non sei abbastanza soddisfatto in cui non sembrano più necessari ulteriori aggiustamenti prima di andare ufficialmente online.

 

Nuovo anno 2023

Nuovo anno 2023 ! 

 

Dovresti abbracciare l’ottimismo, il pessimismo o il realismo nel nuovo anno?

L’ottimista : “La risata è senza tempo. La fantasia non ha età. E i sogni sono per sempre”… Walt Disney

Il pessimista : “La giovinezza è un errore, la virilità una lotta, la vecchiaia un rimpianto”… Benjamin Disraeli.

Il realista : “Non investire mai in un’attività che non puoi capire… Il rischio deriva dal non sapere cosa stai facendo”… Warren Buffett

Tutti hanno avuto/hanno successo nei campi scelti.

Tu come affronterai l’anno 2023 ?

Buon anno 2023 !

Buon anno 2023 !

 

Il futuro dipende da ciò che fai oggi.
(Mahatma Gandhi)

La miglior cucina al mondo 

La miglior cucina al mondo 

 

Non è possibile determinare quale sia la “migliore” cucina al mondo in assoluto, poiché i gusti alimentari e le preferenze culinarie variano notevolmente da persona a persona e da culture a culture. Ciò che può essere considerato la “migliore” cucina per una persona potrebbe non esserlo per un’altra. Inoltre, la cucina di una regione o di un paese può essere influenzata da molti fattori, come gli ingredienti locali disponibili, le tradizioni culinarie, la storia e le influenze culturali. Tuttavia, ci sono alcune cucine che sono ampiamente riconosciute per la loro varietà e qualità, come quella italiana, cinese, francese e giapponese.

miglior_cucina_al_mondo

Merry Christmas ! Buon Natale !

Merry Christmas ! Buon Natale !

 

Spero che il Natale ti porti tanta felicità e che l’anno nuovo sia pieno di speranza e opportunità

Pin It on Pinterest

Share This